Home - Storia delle Bambole - Le Bambole di Adelaide - Listino - Contatti




 

Madonna Adelaide, é una dei primi componenti della Historica Compagnia Archiers Synkhro di Marcon (Ve), un gruppo che rievoca la vita di un manipolo di arcieri della Repubblica di Venezia vissuti tra il 1250 e il 1350.

All’interno del gruppo, e soprattutto singolarmente, si è specializzata  nella ricostruzione delle bambole medievali che mette in vendita durante i mercati storici o le manifestazioni rievocative.

Da qualche tempo in tali occasioni, talvolta coadiuvata dalla figlia, intrattiene grandi e piccini anche in veste di cantastorie raccontando storie accompagnandosi con arpa celtica e flauto.

Le novelle, da lei scritte, sono ispirate a leggende, a fatti e personaggi storici o a luoghi da lei visitati.

Con il gruppo ha partecipato a varie manifestazioni rievocative del Triveneto (es.: Giornate medievali al Castello di Zumelle – BL, San Zenone degli Ezzelini –TV, Vittorio Veneto – TV) e ha collaborato e collabora con alcune scuole del veneziano per la realizzazione di giornate medievali e laboratori a scopo educativo.

L’anno 2005 ha visto la sua presenza nelle trasmissioni Sereno Variabile (rai 2) e Mondo Agricolo (Telearena) in occasione di registrazioni effettuate al Castello di Zumelle.

E’ stata presente con il suo banco “Simulacra de Pannis” alle prime edizioni della  manifestazione fieristica per rievocatori storici Medioevo in luce” e “ Armi e bagagli” svoltesi a Bondeno (FE).
Da marzo 2009 è socia dell’Unione Italiana Artisti Artigiani.
 
 
 

Simulacra de Pannis - Ipotesi ricostruttive di bambole medievali in pezza e lana

 

L’assenza di reperti originali rende difficoltosa la fedele riproduzione delle bambole in uso nel Medioevo. Una lunga e accurata documentazione e continui aggiornamenti mi consentono ora di proporre manufatti abbastanza attendibili nelle forme, nei  materiali e nei decori.

Poiché in quel periodo le bambole non erano considerate esclusivamente un gioco, ma venivano utilizzate anche come manichini, gli abiti sono cuciti e ricamati con punti in uso nel Medioevo e rispecchiano, come all’epoca, gli abiti indossati dalle persone sia come fattura che come tessuti.

Sono proposte in vari modelli, a seconda del ceto sociale e dell’età del proprietario, sono eseguite interamente a mano e curate nei particolari. I modelli più grandi sono forniti anche degli accessori utilizzati a quel tempo (scarsella, coltello).